UMORE

L’umore è lo stato d’animo di base che rappresenta la predisposizione a provare in un dato momento emozioni piacevoli o spiacevoli, in grado di condizionare i nostri pensieri e comportamenti.

Il nostro umore, in condizioni normali, oscilla tra i due poli della tristezza e della gioia, attraverso una gamma di sfumature emozionali, dalla disperazione/malinconia, alla serenità, euforia ed esaltazione, seguendo una risposta coerente a stimoli ambientali ed elaborazioni mentali.

Quando tali cambiamenti emotivi si svincolano dagli eventi esterni o sono sproporzionati per intensità e/o durata, si parla di Disturbi dell’Umore, nei quali viene persa la normale risposta emotiva e lo stato d’animo si ancora o al polo della tristezza o a quello dell’euforia.

Tra i Disturbi dell’Umore i quadri clinici che si osservano più frequentemente sono:
  • Depressione
  • Disturbo Bipolare
  • Ciclotimia
  • Distimia
  • Depressione Post-Partum

Per ricevere maggiori informazioni o fissare un appuntamento con uno Psicologo Psicoterapeuta di Studio Porta Nuova, troverete i riferimenti in contatti.

DEPRESSIONE

La Depressione si differenzia dalla tristezza per i suoi caratteri di fissità, pervasività e intensità, che non risultano in alcun modo giustificabili dagli eventi esterni.

Il Disturbo Depressivo può manifestarsi con diversi livelli di gravità: alcune persone presentano sintomi depressivi di bassa intensità, mentre altre si sentono così depresse da non riuscire a svolgere le normali attività quotidiane.

Leggi di più

Le forme gravi sono caratterizzate da un numero più elevato di sintomi, una maggiore intensità e durata nel tempo della sintomatologia e una maggiore compromissione delle attività quotidiane.

La Depressione si manifesta attraverso sintomi di tipo fisico, emotivo, comportamentale e cognitivo.

I sintomi fisici più comuni sono la perdita di energie, il senso di fatica, difficoltà di concentrazione e di memoria, l’agitazione motoria e il nervosismo, la perdita o l’aumento di peso, i disturbi del sonno, la mancanza di desiderio sessuale, i dolori fisici, il senso di nausea, la visione offuscata e il senso di stordimento.

Le emozioni maggiormente sperimentate sono la tristezza, l’angoscia, la disperazione, il senso di colpa, il vuoto, il senso di impotenza, la perdita di interesse per qualsiasi attività, l’irritabilità e l’ansia.

I principali sintomi comportamentali invece sono la riduzione delle attività quotidiane, la difficoltà nel prendere decisioni e nel risolvere i problemi, l’evitamento e l’isolamento sociale, i comportamenti passivi e la riduzione dell’attività sessuale.

Le persone che soffrono di Depressione, inoltre, presentano sintomi cognitivi caratterizzati da un modo di pensare contraddistinto da regole disadattive, aspettative irrealistiche e pensieri negativi su se stessi, sul mondo e sul futuro.

Leggi meno

DISTURBO BIPOLARE

Il Disturbo Bipolare è caratterizzato da oscillazioni insolite del tono dell’umore e della capacità di funzionamento della persona.

L’oscillazione del tono dell’umore può essere compreso considerando tre fattori: l’umore, il flusso delle idee e il comportamento motorio. Se immaginiamo questi tre fattori rivolti verso il basso, si avrà un umore depresso, un rallentamento dei pensieri e poca voglia ed energia nel muoversi, cioè uno stato depressivo.

Leggi di più

Se, invece, ci raffiguriamo i tre fattori orientati verso l’alto avremo un umore esaltato, una grandissima quantità di idee e iperattività motoria, ossia uno stato dell’umore che viene definito maniacale.

Chi è affetto da Disturbo Bipolare tende ad alternare fasi depressive (down) seguite da fasi ipomaniacali o maniacali (up), da non confondere tuttavia con i comuni “alti e bassi”, che ognuno di noi può avere nel corso della propria vita quotidiana. Le severe manifestazioni del Disturbo Bipolare possono, invece, compromettere i rapporti interpersonali, causare la perdita del lavoro e, in casi estremi, esitare in comportamenti a rischio.

Leggi meno

CICLOTIMIA

La Ciclotimia o Disturbo Ciclotimico rientra nel gruppo dei Disturbi dell’Umore. E’ caratterizzato dall’alternarsi di periodi ipomaniacali e periodi di depressione.

Durante i periodi ipomaniacali la persona presenta un umore euforico, ottimismo eccessivo, sensazione che tutto sia possibile. I pensieri si succedono rapidamente, la persona si sente piena di energia e aumenta l’attività, la quale può diventare disorganizzata e inconcludente.

Leggi di più

In alcuni casi l’episodio ipomaniacale è caratterizzato non da umore euforico, ma disforico, cioè caratterizzato da irritabilità, intolleranza, rabbia.

Nella Ciclotimia questi periodi sono intervallati da periodi di calo dell’umore che non rappresentano un vero e proprio episodio depressivo, ma uno stato in cui la persona sente una perdita di interesse o piacere per le proprie attività, si sente triste e affaticabile, viene meno la capacità di concentrazione e possono essere presenti sentimenti di svalutazione e colpa.

Le persone che ne soffrono devono affrontare quotidianamente problemi derivanti dalla loro imprevedibile oscillazione dell’umore e della conseguente difficoltà a elaborare piani e scopi.

La Ciclotimia è un Disturbo che può essere presente per molti anni e viene spesso considerata una predisposizione ad altri disturbi dell’umore.

Le emozioni maggiormente sperimentate sono la tristezza, l’angoscia, la disperazione, il senso di colpa, il vuoto, il senso di impotenza, la perdita di interesse per qualsiasi attività, l’irritabilità e l’ansia.

Leggi meno

DISTIMIA

La Distimia o Disturbo Distimico può essere definita una depressione cronica più lieve nei sintomi rispetto alla Depressione Maggiore, ma prolungata nel tempo.

Coloro che ne soffrono presentano quasi tutti i giorni o per la maggior parte del giorno, da almeno due anni, gli stessi sintomi della Depressione ma molto più attenuati e prolungati nel tempo, quali insonnia o ipersonnia, scarso appetito o iperfagia, bassa autostima, sentimenti di insicurezza,

Leggi di più

inadeguatezza, inefficienza, autosvalutazione, difficoltà di concentrazione e di prendere decisioni, sconforto, tristezza, disperazione, pessimismo, affaticabilità e mancanza di energie.

La Distimia si manifesta quindi nel suo carattere cronico e persistente.

Chi ne soffre pensa spesso che il suo malessere sia parte del suo carattere; anche gli stessi parenti e amici possono ritenerlo un “inguaribile pessimista e insicuro” comportando così un ritardo nel riconoscimento e nella cura del Disturbo.

Solitamente la Distimia comporta una minore compromissione delle relazioni sociali e delle attività lavorative rispetto alla Depressione Maggiore, ma è molto più persistente nel tempo e comporta comunque sofferenza.

Leggi meno

DEPRESSIONE POST-PARTUM

La maternità comporta molti cambiamenti nella vita della donna, come per esempio le continue richieste di accudimento del neonato, la riorganizzazione del proprio tempo e delle proprie abitudini, le difficoltà a livello lavorativo e/o nella vita di coppia.

Nei giorni immediatamente successivi al parto è considerato “fisiologico” un periodo caratterizzato da calo dell’umore e instabilità emotiva: il cosiddetto baby blues.

Leggi di più

Oltre il 70% delle donne sperimenta e manifesta sintomi che possono essere associabili a una leggera Depressione Post – Partum, ma caratterizzati da transitorietà, tendono cioè a scomparire entro pochi giorni, non necessariamente esitando in un vero e proprio Disturbo.

La vera e propria Depressione Post – Partum è invece caratterizzata da sintomi non transitori, ma persistenti, quali sentimenti di tristezza, senso di colpa, ansia, senso di inutilità, difficoltà a concentrarsi e a prendere decisioni anche banali, disturbi del sonno e dell’appetito, perdita di interessi e mancanza di energie.

I sintomi possono variare d’intensità ed essere presenti anche per molti anni, portando ad avere conseguenze più o meno dirette non solo sulla madre, ma anche sul figlio e sull’intero nucleo familiare.

Leggi meno