PERSONALITA’

La personalità si configura come un’organizzazione stabile di modelli coerenti di sentire, pensare e comportarsi e permette di strutturare un’ampia varietà di strategie personali per adattarsi ad un ambiente complesso, adottando diversi e molteplici ruoli e stili interpersonali di comportamento.

Le persone con Disturbo di Personalità presentano una mancanza di flessibilità rispetto al contesto e mostrano stili di pensiero e comportamento rigidi e immutabili nel tempo, nonostante cambino gli ambiti e le situazioni che si trovano ad affrontare. I rapporti con gli altri spesso comportano difficoltà, forte disagio e profonda sofferenza.

Le persone con Disturbo di Personalità sono caratterizzate, quindi, dal fatto di possedere una scelta relativamente ridotta di strategie comportamentali a cui far ricorso nel corso del tempo e nelle diverse situazioni, anche quando tali strategie sono chiaramente disfunzionali. Le strategie adottate pertanto non sono da considerarsi né “buone” né “cattive”, ma piuttosto come più o meno adattive rispetto alla situazione e agli obiettivi posti.

Ad esempio, è opportuno stare molto attenti quando si cammina in una zona pericolosa della città, è appropriato fare affidamento sui propri familiari e sugli amici quando si è malati, è utile essere competitivi quando si vuole far carriera, è appropriato essere molto meticolosi nel presentare la dichiarazione dei redditi.

Invece, non è adattivo essere paranoici rispetto agli amici fidati, essere eccessivamente dipendenti dal partner per sentirsi meglio, essere competitivi con i propri figli o essere inutilmente agitati durante un’emergenza medica.

Per ricevere maggiori informazioni o fissare un appuntamento con uno Psicologo Psicoterapeuta di Studio Porta Nuova, troverete i riferimenti in contatti.

DISTURBO BORDERLINE

Il Disturbo Borderline di Personalità è caratterizzato da una marcata instabilità affettiva, del controllo degli impulsi, delle relazioni personali e dell’immagine di Sé.

L’instabilità affettiva è contraddistinta da repentini cambiamenti d’umore, con prevalenza dei sentimenti di rabbia.

Leggi di più

L’impulsività espone il soggetto a situazioni potenzialmente pericolose come, ad esempio, la sessualità promiscua, l’aggressività impulsiva, l’abuso di sostanze e comprende anche comportamenti suicidari e automutilanti.

Le relazioni interpersonali sono instabili, intense e ambivalenti, per lo più caotiche e contraddittorie. I sentimenti provati nei confronti delle persone significative oscillano tra la dipendenza e l’ostilità: da una parte vi è angoscia all’idea di poter essere abbandonati, dall’altra il timore di essere sopraffatti e di perdere la propria identità nelle relazioni intime.

Un aspetto caratteristico del Disturbo è il cronico sentimento di vuoto, spesso accompagnato da un’angosciante incertezza circa la propria identità, che si estende a varie aree: il genere, l’orientamento sessuale, le mete e i valori personali e professionali, la capacità di differenziare i propri pensieri e sentimenti da quelli degli altri, l’immagine di sé e del proprio corpo.

Questa confusione interna aumenta quando il soggetto è lasciato solo a se stesso; questo spiega la difficoltà, se non addirittura il terrore, dei pazienti borderline a tollerare la solitudine, e la loro ricerca frenetica di relazioni, sulle quali finiscono inevitabilmente per riversare la loro angoscia e i loro conflitti.

Leggi meno

DISTURBO ISTRIONICO

Le peculiarità del Disturbo Istrionico di Personalità sono caratterizzate dall’esagerata preoccupazione per l’aspetto, l’eccessiva ricerca di attenzioni e il comportamento eccessivamente emotivo, drammatico, quasi teatrale.

A livello interpersonale i soggetti con Disturbo Istrionico di Personalità appaiono seduttivi, provocatori e ogni loro azione è volta alla ricerca di attenzione, di..

Leggi di più

ammirazione e di rassicurazione.

Sul piano cognitivo, sono incapaci di mantenere a lungo la concentrazione e di analizzare criticamente i fatti. Il linguaggio è impressionistico, superficiale e ricco di descrizioni iperboliche. Si tratta di persone molto egocentriche, che tendono a sfruttare la loro grande carica emotiva per controllare e soggiogare gli altri.

Temono fortemente la solitudine e sono spesso travolti dall’angoscia di fronte alle separazioni.

Leggi meno

DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO

I soggetti con Disturbo Ossessivo – Compulsivo di Personalità appaiono rigidi, inflessibili, scrupolosi e perfezionisti sia sul piano dell’affettività sia nella dimensione sociale e lavorativa.

Lo stile di vita di questi soggetti è improntato all’ordine, alla disciplina, alla pulizia e al rigore che impongono non soltanto a se stessi ma anche agli altri;

Leggi di più

sono estremamente parsimoniosi, in termini sia di denaro sia di tempo da dedicare agli altri. L’eccessiva attenzione ai dettagli tuttavia può portare alla perdita dello scopo finale, interferendo con l’esecuzione delle attività.

Sempre preoccupati di fare ogni cosa nel modo “giusto e migliore” possono avere difficoltà nelle relazioni interpersonali poiché risulta loro difficile ammettere che qualcun altro possa eseguire diversamente gli stessi compiti.

Il principio che guida la loro esistenza è un esasperato senso del dovere e regole da rispettare che li porta a essere infaticabili e scrupolosi sul lavoro, intransigenti e moralisti in tema di etica e di valori, fino al punto da diventare insensibili ai bisogni degli altri.

Non riescono a provare né a manifestare affetti, appaiono pertanto eccessivamente seri, freddi, incapaci di divertirsi o di distrarsi.

Leggi meno

DISTURBO ISTRIONICO

Le peculiarità del Disturbo Istrionico di Personalità sono caratterizzate dall’esagerata preoccupazione per l’aspetto, l’eccessiva ricerca di attenzioni e il comportamento eccessivamente emotivo, drammatico, quasi teatrale.

A livello interpersonale i soggetti con Disturbo Istrionico di Personalità appaiono seduttivi, provocatori e ogni loro azione è volta alla ricerca di attenzione, di..

Leggi di più

ammirazione e di rassicurazione.

Sul piano cognitivo, sono incapaci di mantenere a lungo la concentrazione e di analizzare criticamente i fatti. Il linguaggio è impressionistico, superficiale e ricco di descrizioni iperboliche. Si tratta di persone molto egocentriche, che tendono a sfruttare la loro grande carica emotiva per controllare e soggiogare gli altri.

Temono fortemente la solitudine e sono spesso travolti dall’angoscia di fronte alle separazioni.

Leggi meno

DISTURBO EVITANTE

Il Disturbo Evitante di Personalità è caratterizzato dall’eccessivo timore, ansia e paura di essere disapprovati, rifiutati o ridicolizzati in situazioni sociali e/o nelle relazioni intime.

Vi è scarsa autostima e una marcata ipersensibilità alla critica, tanto da evitare le attività che possano esporre al giudizio degli altri; tipiche sono la riluttanza nel..

Leggi di più

fare confidenze, la timidezza esasperata e l’inibizione sociale. Parlare in pubblico spaventa, così come trovarsi al centro dell’attenzione o avere contatti stretti con altre persone.

Tutto questo porta a rifiutare posizioni di responsabilità e impieghi che richiedono un certo grado di interazione sociale.

Sentimenti di inadeguatezza, imbarazzo e vergogna sono presenti ogni qualvolta ci si trova a dover rivelare aspetti intimi di sé, mostrandosi di conseguenza goffi, imbarazzati e inetti.

L’evitamento dei contatti sociali è determinato dal timore di essere respinti: solo la certezza di una totale accettazione può portare a sentirsi abbastanza sicuri da intraprendere una relazione.

Leggi meno

DISTURBO DIPENDENTE

I soggetti con Disturbo Dipendente di Personalità presentano una necessità pervasiva di cure e accudimento da parte degli altri che porta ad avere un comportamento eccessivamente sottomesso e remissivo.

Tali soggetti tendono a delegare le decisioni e rifiutano di assumersi responsabilità, necessitano di costanti rassicurazioni e sono terrorizzati dalla..

Leggi di più

separazione e dall’abbandono, avendo profondi dubbi in merito alle proprie capacità.

Sul piano relazionale tendono a legarsi a figure “potenti” capaci di prendere al loro posto scelte e decisioni, autorelegandosi in un ruolo assolutamente passivo.

Sottomessi, costantemente bisognosi di consigli, riluttanti a esprimere le proprie opinioni, i soggetti con Disturbo Dipendente di Personalità sono disposti a fare cose spiacevoli pur di riuscire gradite, accettando situazioni che chiunque altro troverebbe intollerabili, come violenze fisiche e morali dal marito/moglie pur di non perderlo/a.

La fine di una relazione rappresenta un serio fattore di stress, a cui il soggetto reagisce cercando freneticamente un altro legame con le stesse caratteristiche in sostituzione di quello perduto.

Leggi meno

DISTURBO PARANOIDE

Il Disturbo Paranoide di Personalità è caratterizzato da forte sospettosità, mancanza di fiducia nel prossimo, aspettative di danno e atteggiamento costantemente guardingo e reticente.

Il soggetto può apparire riservato e attento oppure arrogante, irritabile e litigioso ma comunque, in entrambi i casi, ipervigile, incapace di rilassarsi e alla costante ricerca di significati nascosti che possano giustificare l’ostilità percepita..

Leggi di più

nell’ambiente e nelle relazioni interpersonali.

Lo stile cognitivo risulta rigido, inflessibile, caratterizzato da un’attenzione indagatrice.

Sono frequenti elaborazioni di sospetto e ostilità nei confronti del partner; lo stile di vita è pertanto tendenzialmente solitario in quanto l’altro è considerato un potenziale nemico, fonte di inganno e raggiro.

Il soggetto sentendosi continuamente minacciato, attribuisce agli eventi dei significati negativi e agli altri delle intenzioni malevoli. Le critiche, anche banali, possono essere percepite come un affronto tanto da reagire con indignazione, rabbia e, spesso, con vendicatività e aggressività.

Leggi meno

DISTURBO SCHIZOIDE

Il Disturbo Schizoide di Personalità si caratterizza per una seria compromissione delle capacità relazionali.

Le persone mostrano scarso o nessun desiderio di entrare in relazione con gli altri e appaiono estremamente isolate socialmente; spesso non hanno amici o confidenti, raramente hanno relazioni intime, preferendo attività solitarie e occupazioni che non richiedano di entrare in contatto con gli altri.

Leggi di più

A livello affettivo risultano fredde, formali, distaccate, indifferenti agli affetti ed estranee alle relazioni umane profonde. Appaiono insensibili, calme ed estraniate, senza alcuna manifestazione di affetto o di tenerezza per le altre persone.

Leggi meno

DISTURBO SCHIZOTIPICO

Il Disturbo Schizotipico di Personalità è caratterizzato da una modalità pervasiva di distacco dalle relazioni sociali e interpersonali deficitarie.

Il comportamento può essere strano ed eccentrico, associato a distorsioni percettive e cognitive che comprendono idee di riferimento, cioè interpretare come collegati tra loro eventi che non lo sono.

Leggi di più

Si possono avere inoltre illusioni corporee, esperienze insolite di chiaroveggenza o di telepatia, pensiero magico, lettura dei pensieri degli altri, linguaggio strano, vago e circostanziale.

I soggetti con Disturbo Schizotipico di Personalità spesso manifestano eccessiva ansia sociale motivata da preoccupazioni paranoidi; l’affettività appare inibita o inappropriata.

Leggi meno

DISTURBO ANTISOCIALE

I soggetti con Disturbo Antisociale di Personalità presentano modalità comportamentali socialmente irresponsabili che possono dare origine ad azioni sadiche e violente e che riflettono l’inosservanza dei diritti degli altri, l’assenza di regole morali, di sentimenti di lealtà, di colpa e di rimorso.

Tali comportamenti possono violare le leggi del diritto con conseguenti..

Leggi di più

sanzioni penali.

Il comportamento delinquenziale non è a tutti gli effetti assimilabile alla personalità antisociale, anche se il Disturbo è molto presente nella popolazione dei detenuti.

Le caratteristiche di questo Disturbo sono l’impulsività, l’incapacità di pianificare, l’irritabilità, l’aggressività e la mancanza di senso di colpa.

Leggi meno